Anno inizio: 2011 (in corso)

Area C è una Zona a Traffico Limitato (ZTL) abbinata ad una misura di congestion charge, attiva nel centro storico di Milano con restrizioni di accesso per i veicoli più inquinanti e quelli con lunghezza superiore a 7,5 metri, escluse deroghe. Il provvedimento che disciplina tale area (deliberazione n. 2526/2011 del 4/11/2011, successivamente introdotta il 16/01/2012) ha l'obiettivo generale di migliorare, attraverso l’istituzione di una congestion charge, la qualità della vita, la congestione del traffico e la sicurezza di chi vive, lavora, studia e visita la città.

Area C si pone inoltre le seguenti finalità:

  • ridurre il traffico nella Cerchia dei Bastioni;
  • favorire lo sviluppo e rendere più efficaci le reti del Trasporto Pubblico Locale (TPL);
  • salvaguardare il diritto alla mobilità individuale nel rispetto dell’interesse comune;
  • migliorare la qualità urbana riducendo il numero di incidenti, la sosta selvaggia, l'inquinamento acustico e atmosferico;
  • reperire risorse da destinare alla mobilità sostenibile: pedonalità, ciclabilità e traffico a velocità moderata;
  • reperire risorse da destinare alla “mobilità dolce”: piste ciclabili, aree pedonali, Zone 30.

Milano è l’unica città ad aver attuato nel corso degli ultimi anni differenti misure per ridurre il traffico e l’inquinamento: prima di Area C, nel 2008 era stato introdotto Ecopass, che adottata una politica di pollution charge nella Cerchia dei Bastioni. 
Area C è anche il risultato del referendum del 2011 in cui il 79% dei cittadini milanesi ha espresso la propria visione della città: potenziamento dei mezzi pubblici, estensione di Ecopass e allargamento progressivo del sistema di accesso a pagamento, con l’obiettivo di dimezzare il traffico e le emissioni inquinanti.

Di seguito i benefici ambientali e la riduzione di emissioni inquinanti derivanti dall’implementazione di queste misure.

  • Ecopass (variazioni 2013 vs 2011):
    • Quota di veicoli in accesso appartenenti alle classi più inquinanti: - 48%
    • PM10 allo scarico: - 30%
    • PM10 totale: - 15%
  • Area C (variazioni 2013 vs 2011):
    • Quota di veicoli in accesso appartenenti alle classi più inquinanti: - 49% 
    • PM10 allo scarico: - 19% 
    • PM10 totale: - 18% 
    • Ossidi di azoto (NOx): - 10% 
    • Ammoniaca (NH3): - 31% 
    • Anidride carbonica (CO2): - 22% 
  • Riduzione concentrazioni di Black Carbon (BC) (campagna pilota AMAT anno 2012):
    • 28% in inverno
    • 52% in estate

AMAT contribuisce allo sviluppo di questo progetto, presidiando tutto il ciclo di vita della ZTL e fornendo supporto su differenti ambiti tecnici: ambientale, viabilistico, normativo e di analisi dati.

In particolare, AMAT ha fornito il proprio contributo al Comune di Milano nella progettazione della ZTL con studi di fattibilità viabilistici, normativi ed ambientali, definendo gli ambiti della regolamentazione del provvedimento, in particolare sulle classi emissive.

Inoltre, AMAT effettua il monitoraggio costante dei risultati di Area C attraverso l’analisi dei dati rilevati ai varchi di accesso e predispone appositi report finalizzati, tra l’altro, all’individuazione di possibili azioni per il miglioramento delle politiche di mobilità sostenibile.

Temi collegati

News collegate